Latina: Iuliano ha i sette giorni

 

SOMMA

Mario Somma, ieri si è incontrato col presidente Maietta

 

Forse è giunta finalmente (nel senso, alla fine) la chiamata per Mario Somma allenatore del Latina. Non sono un mistero gli scambi non proprio cordiali tra il presidente Maietta e l’allenatore Iuliano avvenuti proprio a causa di un precampionato sottotono e di un’impronta di gioco che fatica a vedersi sul campo.

LE DIMISSIONI RITIRATE – In verità ieri si è vociferato insistentemente anche delle dimissioni presentate dal tecnico cosentino con la società che ha preso tempo, anche se probabilmente la verità sta nel mezzo. E facendo il verso a Protagora, la verità è che a Iuliano sono stati dati i sette giorni, che significa esonero (o dimissioni) se da Novara dovesse arrivare un risultato negativo o una prestazione nera. Insomma, alla vigilia della prima di campionato pare che la fiducia riposta nel tecnico che lo scorso anno traghettò il Latina a una salvezza quasi miracolosa sia ai limiti storici. Il motivo, chiaramente, è da ricercarsi nella mancanza di risultati in questo precampionato (ma è pur vero che è sempre calcio d’agosto), ma soprattutto il Latina somiglia un po’ troppo al Francioni: resta un cantiere pericolosamente aperto, con un gioco che latita e con una formazione ancora priva d’identità.

LE GIUSTIFICAZIONI DI IULIANO – Ma è vero anche un altro aspetto. Iuliano ha avuto a disposizione i pezzi pregiati di questo mercato soltanto da qualche giorno, tipo Moretti e Schiattarella, entrambi col fiato corto, ma che probabilmente non erano gli uomini chiave che lui aveva richiesto, considerato che il modulo immaginato per questa stagione era stato modificato nel 4-3-1-2 piuttosto che nel 3-5-2. I risultati negativi (inclusa la magra collezionata col Pavia, squadra di Lega Pro, in Tim Cup) hanno poi incorniciato il quadro. Così da ieri circolano le voci su Franco Colomba e Mario Somma, con cui pare ci sia stato un contatto coi vertici societari.

IL VOLO DELLA COLOMBA – Classe 55, bolognese d’adozione, un passato importante come calciatore (Bologna e Avellino) e come allenatore, anche se con risultati altalenanti. Di Colomba si ricorda una salvezza in A con la Reggina, il ritorno nella massima serie degli amaranto dopo la retrocessione, le parentesi negative col Napoli, la buona stagione col Bologna e il Parma, quelle negative di Ascoli e Verona. In Italia l’ultima apparizione è datata primavera 2013, quando subentra a Fulvio Pea al Padova ma fallisce l’aggancio per la zona play off e quindi viene esonerato. Lo scorso anno ha diretto nella massima serie indiana, allenando la squadra del figlio, il Pune City.

MARIO SOMMA DA LATINA – È inutile nasconderlo. Tra Mario Somma e il Latina il feeling c’è sempre stato, anche se lui, latinense doc, non s’è mai seduto sulla panchina della squadra della sua città. In realtà, il tecnico oggi commentatore sportivo in tv, è stato sempre accostato alla società nerazzurra, ma ora sono venuti meno gli ostacoli che di fatto nel recente passato ne impedivano l’avvicinamento (la presenza di Cottafava, con cui ai tempi della Triestina c’era stato un battibecco abbastanza caldo; il non perfetto idillio con l’altra metà della proprietà, Paola Cavicchi). Classe 63, Somma ha scritto le sue pagine come centrale difensivo a Carrara, Genoa e Salerno, dove giocò anche con Mauro Facci, oggi attuale ds nerazzurro. Come allenatore a Latina è ancora molto ricordato come selezionatore della squadra degli Avvocati, come tecnico della Pro Cisterna e Terracina, esperienze che gli permisero di arrivare a guidare la Cavese dei record (2002/03), poi ad Arezzo conquista la promozione in B (2003/04), va ad Empoli e ottiene la promozione in A (2004/05), viene esonerato nella massima serie con gli azzurri virtualmente salvi. Poi, è un valzer di panchine in B: Brescia (esonerato), Piacenza (salvezza), Mantova (salvezza), Triestina (esonerato), Grosseto (esonerato), Cosenza in Lega Pro (dimissioni); lo scorso anno viene esonerato dalla Salernitana in precampionato dopo una feroce lite col dirigente Angelo Fabiani. 

 

Fonte: http://www.sportlatina.it/

Info biglietti Avezzano-Latina Faraoni: è fatta!