Iuliano: la batosta…

La conferenza di Mark Iuliano nel dopo Latina-Pavia. “Non abbiamo fatto una bella figura in questa prima gara ufficiale – ha dichiarato il tecnico nerazzurro nella sala stampa del Francioni – Eravamo consapevoli che il Pavia fosse una buona squadra e gli abbiamo permesso di fare quello che gli riesce meglio: loro hanno fatto ciò che gli abbiamo concesso dove sapevamo che potevano metterci in difficoltà. La responsabilità è anche mia perché ho mandato messaggi che qualcuno ha capito male. Comunque la batosta è meglio averla presa adesso. Non credo si possa andare avanti se non si è al 100 percento integrati nel contesto di una lotta continua – ha aggiunto Iuliano – Non mi interessa il nome e quante presenze uno abbia fatto; forse sono stato interpretato male, continuerò allora ad essere un martello e basta, senza guardare in faccia a nessuno. Per giocare in questa squadra bisogna meritarselo: non posso fare sconti, adesso non ce ne saranno più per nessuno. Il messaggio è che o si va tutti in una direzione con tutta la forza che si ha, o non si va avanti. Non è un discorso prettamente tecnico o tattico, ma va oltre la disposizione della squadra in campo. Non sto infangando nessuno, ma dico che i giocatori non si possono più permettere di sbagliare nei confronti miei, della società e dei tifosi. Abbiamo perso la gara per una questione di distanze, soprattutto questo mi ha fatto arrabbiare. Nel calcio moderno non si può avere una squadra lunga 50 metri, l’ho urlato più volte ma il messaggio non è arrivato. Non dico che i giocatori non si mettono a disposizione e non sto criticando la volontà dei ragazzi. Se le cose vanno fatte, però, vanno fatte al massimo. Al giorno d’oggi le partite si perdono sulle occasioni, su quello che concedi. Vince chi fa meno errori e noi abbiamo sbagliato troppo. Detto questo – ha concluso Mark Iuliano – Faccio i complimenti al Pavia, ha meritato la qualificazione senza rubare assolutamente nulla”.
Fonte: http://www.uslatinacalcio.it