Ascoli-Latina: “SE DI SPADA FERISCI DI SPADA PERISCI”

“SE DI SPADA FERISCI DI SPADA PERISCI”

‎Daniele Santamaria Maurizio sulla panchina Nerazzurra

‎Daniele Santamaria Maurizio sulla panchina Nerazzurra

Niente di più affine alla gara di oggi, dove un Latina sull’orlo di una crisi di nervi affonda il colpo mortale ad un Ascoli reo di aver pensato anzitempo di avere la partita in pugno. Spade e animi surriscaldati perché quando per l’ennesima volta un arbitro tenta di demolirci è lì che si sprigiona il carattere e la rabbia di una squadra. Dico la verità non mi aspettavo di vedere una squadra che ridotta in nove avesse la forza di rialzarsi. Ci ho sperato fino alla fine perché l’Ascoli dopo aver divorato nel secondo tempo con Cacia e Gatto due gol clamorosi, aveva pensato bene anzi male di addormentare la partita picconando la tenuta dei nervi dei nostri Nerazzurri. Due espulsioni assolutamente inesistenti avrebbero mandato a picco qualsiasi corazzata, ma il Latina C’E’ e oggi è toccato all’Ascoli subirne la voglia di non mollare mai. Due prodezze di Scaglia e Corvia autore di un’altra gara importante, consentono al Latina di allungare la striscia positiva di risultati. Ho un dubbio che però è anche un rammarico,ma se al posto di Gilberto fosse stato collocato Paponi o Regolanti, avremmo forse portato via l’intera posta in palio? CREDO DI SI ma dal momento che in panchina mi ci sono seduto solo per una foto, lascio ad altri più titolati di me l’ardua SENTENZA. #forzalatina #ascolilatina #serieb #amiamoillatina

Testo di Daniele Santamaria Maurizio. (Articolo originale: clicca qui)

SINTESI DELLA PARTITA